Primo anniversario dell’Encyclopédie in tutto il suo splendore

Tavola dall’Encyclopédie di Diderot e d’Alembert.

Mi accorgo adesso, sollecitato dalla notizia della prossima giornata di studi sulla “Storia della filosofia nell’Encyclopédie” (23 novembre alla Sorbona, campus de Jussieu – vedi infra per i dettagli) che sono passati già 367 giorni dalla messa in linea del meraviglioso progetto ENCCrE, acronimo che sta per Édition Numérique Collaborative et Critique de l’Encyclopédie, ossia Edizione critica digitale e collaborativa del Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri. Quest’ultimo è il ‘sottotitolo’, riportato nel frontespizio, dell’opera che costituì il «grande affare dei Lumi» e che cambiò radicalmente in Occidente la maniera di considerare il sapere, ma soprattutto il nostro rapporto con quest’ultimo. Il lavoro fu condotto tra innumerevoli traversie da Denis Diderot, dopo l’abbandono di d’Alembert e sorretto soprattutto da Louis de Jaucourt, un medico che si sobbarcò da solo la stesura di quasi un quarto di tutte le voci, i cui firmatari furono più di 130. L’opera iniziò a uscire nel 1751 e al suo completamento nel 1772 consegnò al mondo intero 71.818 voci, organizzate in 17 volumi (in folio, cioè di grande formato) di testo, accompagnati da altri 11 contenenti 2.579 tavole (275 delle quali doppie, 15 triple e 6 addirittura quadruple), tutte originali e alcune veramente straordinarie.

Il frontespizio del primo tomo della prima edizione dell’Encyclopédie.

L’edizione alla quale mi riferisco offre in consultazione del tutto gratuita una mole fantastica di materiali, che rendono pallidi simulacri i materiali di cui ci si poteva servire in precedenza (a cominciare dal pionieristico sottosito sull’ARTLF, che comunque ha ancora molte altre frecce al suo arco, vale a dire testi in francese e inglese, consultabili liberamente dai server dell’università di Chicago).

L’intento generale è quello di rendere disponibile erga omnes sia i testi originali, controllati dall’équipe di oltre cento studiosi francesi, inglesi, giapponesi, italiani che se ne stanno occupando da anni (qualche nome? Georges Benrekassa, Alain Cernuschi, Daniel Droixhe, Kathleen Hardesty Doig, Franck A. Kafker, Marie Leca-Tsiomis, Jeff Loveland, Irène Passeron, Daniel Roche, Yann Sordet), sia gli approfondimenti di lavoro dei medesimi.
Seguendo le indicazioni fornite da Diderot stesso nella voce ‘enciclopedia’, la finalità è duplice: democratizzare l’accesso e mantenere lo spirito critico che costituiva una delle caratteristiche salienti dell’opera, così da facilitare lo scambio fra gli specialisti, ma a beneficio di tutti i lettori interessati. Per questo nella “Presentazione” si dichiara questo progetto «collaborativo, dinamico e a lungo termine», ovvero di lungo corso.
Il modo più semplice e rapido per familiarizzarsi con questo scrigno informatico di meraviglie è quello di seguire la visita guidata che viene proposta entrando nel sito. In alternativa potete cliccare, nell’ordine che vi si addice meglio, sulle sei diciture poste subito sotto il titolo: Presentazione – Équipe – Politica editoriale – Comitato di lettura – Comitato scientifico – Chi ha fatto cosa?.

Ecco qui di seguito una rapida panoramica di quello che c’è sul sito dell’ENCCrE, o almeno delle cose più importanti (magari altre non le avrò ancora scoperte, talmente tante ce ne sono…), lasciandovi così il piacere (non è un modo di dire stereotipato: per capire cosa intendo, provate ad aggirarvi con libertà nel sito, pensando a Roland Barthes) di esplorarle tutte ad libitum.

Tutti e 28 i tomi della prima edizione (detta ‘di Parigi’) alla base del progetto ENCCrE.

Sotto il titolo si ergono di taglio i tomi della prima edizione che è stata rinvenuta in perfetto stato presso la biblioteca Mazarine di Parigi. Ogni tomo, debitamente numerato, mostra il proprio contenuto semplicemente cliccandoci sulla costa: i vari argomenti sono link a loro volta e se si vuole andare alle voci, sono quelle più ‘spesse’ alla vista. Un clic su di esse apre due (mezze) finestre indipendenti sullo schermo: a sinistra c’è l’elenco di tutti i lemmi (o i titoli, nel caso delle Tavole – tutto sempre cliccabile), ciascuno col suo riferimento di pagina; a destra compare invece una pagina dell’originale (Vue numerisée), ben  scannerizzata e dunque ‘maneggiabile’ a piacimento (un po’ come già in Gallica, ma in maniera più flessibile, che vuol dire anche ‘naturale’): la si può ingrandire o rimpicciolire agendo sulla rotella del mouse o cliccando su qualsiasi punto. Se invece si preferisce leggere il testo corrispondente, trascritto sulla metà sinistra, scorrendo quest’ultima, al cambio pagina (indicato dal numero corrispondente nel margine all’estrema sinistra) ovviamente anche la finestra a destra trascorrerà in modo automatico alla pagina ‘giusta’.
Inoltre, tramite vari comandi dei quali è facile impratichirsi giocandoci pochi minuti (tanto non si guasta nulla, a differenza dei libri ‘veri’), si può sfogliare l’edizione come si farebbe a mano (e voglio precisare: in maniera abbastanza realistica, ossia ad esempio pagina per pagina, o saltandone qualcuna, in avanti o all’indietro), stamparla se serve, oppure effettuare ricerche dei tipi più svariati (c’è anche la modalità ‘avanzata’ in cui sbizzarrirsi, andando a frugare persino nelle «voci omesse»).
Riguardo a ricerche e scandagli: nella fascia superiore restano sempre disponibili 4 caselle (tutte cliccabili – ma certo c’eravate già arrivati da soli…): Volumi – Nomenclatura – Contributori – Domìni. Esse permettono di spaziare (mi verrebbe da dire: sguazzare) in lungo e in largo nell’opera e ricavarne dati che sarebbe più complicato (se non impossibili) da ottenere tramite una normale ricerca ‘a mano’ sui volumi ‘fisici’. Inoltre queste stesse diciture si ritrovano verso metà della pagina generale di accesso.

Locandina dell’incontro-studio del 23 novembre 2018.

Torno alla pagina di ‘ingresso’: sul lato sinistro c’è la zona “Documentazione generale sull’Encyclopédie“, che si rivela articolata in 10 sezioni e varie sottosezioni (alcune di esse ulteriormente suddivise). Simmetricamente, a destra, vi corrisponde la zona relativa alla “Descrizione materiale dell’esemplare” (quella che i britannici chiamano ‘bibliografia analitica’ o testuale e fra i suoi maestri annovera Bowers, Fahy, McKenzie, Tanselle), di per sé una miniera di informazioni interessanti.
Va detto che in entrambi i casi non si tratta di annotazioni brevi o risapute e quindi trascurabili. Leggerete sullo schermo, invece, rielaborazioni originali a firma di specialisti illustri, che possono servire da prima introduzione o ‘ripasso’, ma anche come trampolino verso approfondimenti successivi, grazie alla presenza di bibliografie specifiche.
Nella parte bassa, infine, ci sono due riquadri. In quello di sinistra scorrono a ciclo continuo 12 notizie di aggiornamenti su lavori, convegni ecc. (per esempio, la lettura annotata della voce ‘Giochi di carte’ da parte di Thierry Depaulis – collaboratore sin dal primo numero del 1995 della pregevole Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco, rivista della Fondazione Benetton Studi Ricerche). A destra sono disponibili le liste degli articoli e dei dossier annotati dagli studiosi di livello internazionale (vedi sopra) ai quali sono stati affidati.

Insomma, con queste poche righe spero di aver convinto pure voi che l’ENCCrE sia un prodotto editoriale assolutamente innovativo, che può aspirare a diventare uno dei modelli possibili anche per l’avvenire per imprese di questo genere (del resto Darnton, che sin dalla fine del secolo scorso si poneva questioni del genere, fa parte del comitato scientifico).
Questo post è stato suscitato dall’impressione che non si sia parlato abbastanza di questo progetto rivoluzionario, o che se ne sia sentito parlare relativamente poco, rispetto alla sua importanza. Voi che leggete, perciò, diffondete ovunque possiate questa splendida novella, per il plauso universale e l’attenzione alta e costante che merita. Grazie (e buona visita al sito francese).

Il frontespizio di un testo realizzato nel 2017 da alcuni componenti dell’équipe dell’ENCCrE, scaricabile gratuitamente dal web come PDF.

 

 

Annunci

2 pensieri su “Primo anniversario dell’Encyclopédie in tutto il suo splendore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...