Una giustizia a metà

OVVERO, DI QUANDO I CAPI PRIMA MENTONO, POI TRADISCONO I PATTI, INFINE FUGGONO CON LA CASSA PER RICOMINCIARE SOTTO ALTRO NOME COME SE NULLA FOSSE.

Mettetevi comodi, perché questa volta vi racconto una favola; una bella lunga, che apparentemente finisce bene, anzi benissimo; ma siccome la realtà supera sempre l’immaginazione, e tutto quello che state per leggere è avvenuto nel mondo reale (il sottoscritto si è limitato a cambiare dalla prima alla terza persona il racconto della diretta interessata e ad aggiungere qualche integrazione secondaria, ottenendo l’imprimatur definitivo per ospitarlo qui), il finale cambierà di segno repentinamente e si tramuterà in un epilogo amarissimo e tuttora inconsolabile. Quindi attenzione: non è una favola per addormentarsi tranquilli, ma per farvi destare bruscamente dai vostri sonni troppo placidi, convinti che Renzi sia riuscito finalmente a far imboccare all’Italia la strada giusta della ripresa che ci fa uscire dal tunnel eccetera eccetera eccetera!

C’era una volta (già, perché adesso non c’è più… no, meglio non anticipare gli sviluppi di questa storia davvero nefanda) un service editoriale nello sterminato e desolante hinterland milanese, che si occupava soprattutto di pubblicazioni scolastiche. Chiamiamolo, per semplicità, Gardo (la testa, cioè Infin, l’aveva persa così tanto tempo prima che neppure adesso c’è qualcuno che sappia dove sia finita!). E c’era una volta (ma questa c’è ancora, per sua fortuna) una giovane redattrice, laureata all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in Lettere moderne col massimo dei voti, che aveva persino seguito corsi professionalizzanti di Traduttore letterario dallo spagnolo, Autore e traduttore editoriale, Editor di testi e correttore bozze, piena di volontà e belle speranze (un’accoppiata micidiale, a volte), che lavorava sodo per lui – la chiameremo, per comodità, Laura, nome le cui risonanze petrarchesche fanno apparire quale perfetto senhal contrapposto aulicamente al destino crudele che purtroppo accomuna e strangola tante vite precarie nell’Italia d’oggi.
Nel settembre del 2011 Laura, grazie al passaparola di una collega, fa un colloquio di lavoro con Gardo, che in modo piuttosto autoritario le indica le proprie condizioni: la prestazione doveva svolgersi esclusivamente presso lo studio (che poi si rivelerà un piccolo ufficio in un seminterrato), con la strumentazione presente in loco (a una collaboratrice venne però fornita addirittura una sedia Ikea: il massimo del comfort extralusso!), in giorni e orari prestabiliti e fissi salvo eccezioni (per lo più per esigenze dei capi): 7/8 ore al giorno, 9,30-18, 4 giorni a settimana – tutta roba che Gardo chiamava «gentlemen’s agreement», tanto per far capire che il datore di lavoro non apparteneva alla genia degli squali del capitalismo senza scrupoli né morale, si apparentava piuttosto alla stirpe purissima dei capitani d’industria più equi, onesti e integerrimi…
A ben vedere Laura non aveva un contratto, però era dipendente a tutti gli effetti ed era la sua “capessa” a decidere ogni singolo aspetto della sua prestazione: oltre agli incarichi lavorativi, anche i giorni, gli orari e le ferie. Prendere o lasciare, tanto se non ti va bene, puoi accomodarti: là fuori c’è una fila interminabile di gente che aspetta di prendere il tuo posto, c’è soltanto l’imbarazzo della scelta (l’abbiamo sentito ripetere spesso che ci è venuto a noia, no?) – peggio dei lavoranti di colore nelle piantagioni di cotone che, se si ammalano, non sono pagati. E quando è un dirigente a rimanere a casa ammalato, anche l’ufficio resta tranquillamente chiuso, col risultato che i redattori sono costretti ad andarsene a spasso, senza alcun diritto di essere pagati né di poter continuare in alcuna maniera lecita il lavoro iniziato (forse nel timore che occupino l’ufficio? o che si rivendano PC e suppellettili varie per ritorsione, pretendendo poi di essere stati derubati dagli ultimi discendenti degli indiani metropolitani? beh, dopotutto dei “fantasmi” così bennati non sarebbero autorizzati a farlo, non sarebbero nemmeno in grado di concepire un’infamità del genere, vero?).
La paga iniziale è di 6,50€ all’ora con cessione di diritti di autore (Laura non ha la partita Iva), senza neanche la possibilità di fare una pausa ogni due ore (come prescrive la legge per chi lavora al pc tante ore di seguito) pena la decurtazione di quello che a stento poteva esser definito “stipendio”. Certo, c’era anche una pausa pranzo di mezz’ora, che però veniva detratta dalla paga. Quindi per timore di ritrovarsi a fine mese con troppi pochi soldi, come i suoi colleghi anche Laura preferiva sbocconcellare un panino nello scantinato e riprendere subito a macinare bozze, anziché godere di una pausa più lunga andando a mangiare fuori, non foss’altro che per sgranchirsi braccia e gambe e distrarsi un attimo. Una collega chiede allora ufficialmente che siano concessi almeno 10 minuti di pausa caffè al pomeriggio: i capi, dopo accurate (accorate?) riflessioni e anche a malincuore, la accordano (come sono buoni…), salvo che dopo un po’ quella stessa collega decide di non farla più perché si sente molto a disagio nei confronti dei superiori.
Dopo i primi pagamenti, per fortuna regolari, i conti delle ore e dei soldi intascati cominciano a non quadrare più; allora Laura prende il coraggio a due mani (l’atmosfera non dev’essere delle più distese…) e chiede spiegazioni. L’arcano (svelato solo dopo precisa richiesta, notare bene) sta nel fatto che col tempo la redazione si è ampliata e quindi (attenzione, questa è veramente un’originalissima alzata d’ingegno: onore alla creatività degli imprenditori!) ci vuole più tempo per scaldare il cibo nel microonde (vietato ridere, è un’affermazione che è stata fatta con la massima serietà e tutta la compunzione richiesta dalla circostanza). Vediamo bene il ragionamento, perché potrebbe tornare utile per tantissime altre sedi di lavoro. Secondo la titolare il tempo impiegato (forse avrebbe voluto dire ‘perso’, ma si dev’essere trattenuta) è di 3 minuti a testa in media che, moltiplicato per i sei schiavi incatenati nel bugigattolo, dà un totale di 18 minuti da detrarre cadauno (della serie: come farsi carico anche dei problemi degli altri, no?). Siccome questo non è abbastanza umiliante (a parte il fatto che i patti iniziali erano di calcolare cumulativamente in mezz’ora il tempo per il pranzo ‘interno’, e nessuno si era mai peritato di notificare che successivamente il computo era stato rimodulato pro capite – ammesso e non concesso che sia legale farlo…), si aggiunge la considerazione che la presenza di un solo bagno avrebbe allungato ulteriormente il tempo “sprecato” (ma certo, è Bianciardi che si era dimenticato di santificare i redattori che invece di stare chini sulle scrivanie a correggere refusi, preferiscono passare la giornata a leggere i fumetti in un cesso senza neanche una finestra sul cortile…).
Non bisogna credere che i datori di lavoro in Gardo fossero delle canaglie (non ancora, perlomeno: niente spoiler!), dato che a Laura concedono, sia pure a stento, qualche piccolo aumento: ottiene prima 7, poi 7,50€ l’ora, addirittura con la promessa di passare entro la fine del 2013 alla fantastiliardica cifra di 8€ (netti, ma senza alcun versamento di contributi, non dimentichiamolo; insomma, assimilabile alla paga media di una colf non particolarmente esigente né veloce o brava, con la differenza che quest’ultima se li intasca tutti esentasse e non ci deve manco rientrare di tutte le spese sostenute per studiare all’università e anche dopo). Contestualmente, però, Laura deve dare garanzia formale di rimanere a lavorare nel service fino a marzo 2014, per non pregiudicare il buon esito di una serie di progetti sui quali era impegnata. A posteriori pare evidente che in questa fase Laura venga circuita, cioè senza accorgersene subisce una duplice, sottile pressione psicologica: da un lato le si ventila la possibilità di continuare a lavorare anche qualora nel prosieguo dell’attività ci fossero stati cali nel flusso di lavoro, purché la sua richiesta di aumento sia ragionevole, contenuta. A questo proposito si tenga presente che dentro Gardo c’erano colleghi che percepivano dagli 8,50€/h fino a quasi 12€/h (questi ultimi per i collaboratori con partita Iva), a fronte sostanzialmente di mole e qualità di lavoro sostanzialmente non diverse da quelle di Laura. Dall’altro lato la dirigenza le chiede (spudoratamente) di comunicare subito qualunque eventuale intenzione di andarsene, dato che in quel periodo Gardo sta cercando altro personale e quindi non avrebbe difficoltà a sostituirla (sic).
A dicembre, però, il sospirato e pattuito aumento non arriva, dato che Gardo non riesce a portare a casa quattro commesse importanti. Occorre precisare che Laura non ha alcuna responsabilità in merito, anzi probabilmente non sarebbe neanche stata messa a lavorare su quei progetti. Dove si vede dunque che l’incapacità dirigenziale si scarica sulla parte più debole della struttura.
Si aggiunge qui un dettaglio non secondario per caratterizzare meglio le dramatis personae nel quadro complessivo che sta emergendo: durante i colloqui per l’aumento Gardo blandisce Laura qualificandola come una collaboratrice “importante”, su cui “ha investito” (gli altri, i paria dei paria, sarebbero invece soltanto lavoratori “temporanei”), insomma cerca di conquistarne la fiducia lusingandola, fingendo di voler avere un rapporto privilegiato con lei – ma è tutto fumo negli occhi per manipolarla meglio.
Ecco così che si inizia a profilare la tragedia, con un finale quasi eroicomico. Martedì 7 gennaio 2014 Gardo informa verbalmente Laura che alla fine di quello stesso mese la sua collaborazione sarebbe cessata temporaneamente per una pausa non ben precisata, cioè dandole tre sole settimane di preavviso ed estromettendola di fatto dal progetto su cui sta lavorando prima che lo stesso terminasse.
Colpo di scena (ma solo apparente): un paio di giorni prima della scadenza notificata così bruscamente Gardo si accorge che c’è ancora bisogno del suo contributo, per cui con grandissima faccia tosta le chiede di prolungare la presenza fino a metà febbraio, e la sventurata accetta, in virtù di quanto delineato poco sopra.
Dopo il 13 febbraio, però, piombano silenzio e disperazione. A nulla valgono telefonate e lettere di cui Laura tempesta la capessa. Così scopre di esser stata rimpiazzata da tre giovani e volenterosi “stagisti”: solo che non hanno alcuna forma di contratto di stage, dato che svolgono prestazioni non diverse da quelle degli altri, e sono pagati anch’essi a diritti d’autore; in compenso hanno meno di 35 anni e quindi costano meno all’azienda. Insomma, il confronto è impari coi “vecchi” redattori, ormai stanchi e ben coscienti del circo messo in atto dal gatto e la volpe, a favore di persone più giovani, con voglia di fare e dimostrare, in realtà ancora poco consapevoli della reale situazione in cui sono incappati. Poco consapevoli dei loro diritti, tanto che in parte si bevevano le bugie che i capi andavano raccontando per metterli uno contro l’altro, senza perdere l’occasione di parlare male alle spalle ora di uno ora dell’altro dipendente (e non è impossibile immaginare che venissero attuate costantemente varie forme di mobbing da parte dei “sepolcri imbiancati”, come ebbe a derfinirli un’ex collega di Laura quando se ne andò sbattendo la porta, risparmiandosi così un inganno perpetrato a lungo). Ecco, si può dire che vigeva la legge suprema DIVIDE ET IMPERA, per domarli e al buio incatenarli.
A questo punto, offesa nella sua dignità di lavoratrice e soprattutto messa sull’avviso da una storia simile capitata a un’altra collega, Laura mangia la foglia, cade il velo di Maia e capisce che la “pausa” che dovrebbe trascorrere prima di rinnovare il contratto era una panzana: mascherava la più dura realtà, che cioè non avrebbe più lavorato presso Gardo. Attenzione, però, quella soluzione non era dettata da pura cattiveria: era anche un modo assolutamente subdolo per far passare i giorni utili per un ricorso legale contro Gardo. Così Laura ha imparato a sue spese che il lavoro è un diritto, non una merce di scambio né un mezzo di ricatto (ma che, per capirlo ci voleva una presa di posizione ufficiale di papa Francesco?).
Allora decide di contattare un avvocato, il quale nel marzo 2014 scrive a Gardo quanto segue:

La lavoratrice prestava servizio alle dirette dipendenze degli amministratori, i quali controllavano ed etero-dirigevano modalità e tempi della prestazione, fissando univocamente orari, ferie e retribuzione nonché mettendo a disposizione della stessa mezzi e strumenti di lavoro (quali computer, tavoli da lavoro, uffici, stampanti, telefoni etc).
L’orario di lavoro svolto da Laura andava ben oltre quello previsto dal CCNL di categoria, accedendo al lavoro supplementare e straordinario, anche in considerazione di una pausa pranzo – non retribuita – di soli 30 minuti. Sono pertanto riscontrabili notevoli differenze retributive rispetto al dettato del medesimo CCNL, di cui ci si riserva la produzione in giudizio.
Lo studio editoriale, al solo fine di simulare nella forma quanto sostanzialmente era un comune rapporto di lavoro subordinato, retribuiva la dipendente quale lavoratrice autonoma sub specie “diritti d’autore”.
Come si avrà modo di dimostrare (sia mezzo mail, sia di testi sia con ogni altro mezzo di legge) la dipendente, in diverse occasioni, portava all’attenzione dei sig.ri amministratori l’incongruità dello stipendio percepito e la carenza di qualsivoglia garanzia e/o tutela di legge, ricevendo solo vaghe rassicurazioni sul futuro della collaborazione.
È di tutta evidenza che Gardo perseguiva un egoistico e spregiudicato interesse di risparmio fiscale in danno della lavoratrice, trattata quale mero strumento di profitto.

Ora facciamo scorrere in avanti il tempo più rapidamente della giustizia italiana per arrivare all’aprile 2015, quando Laura esulta per un risultato positivo: nella prima fase del procedimento (condotto secondo il rito Fornero) la giudice accoglie totalmente le sue richieste e condanna gli ex datori di lavoro a risarcirla. Si rende conto con maggiore consapevolezza dei lavaggi di cervello che ha subìto e che, in alcuni momenti, la stavano facendo desistere, però poi è andata avanti confidando nella giustizia e nella verità.
A questo punto subentra la seconda fase del procedimento con rito tradizionale e Laura aspetta le reazioni e decisioni della controparte, che dopo un po’ si oppone all’ordinanza, ma infine anche il secondo giudice le dà ragione: bis, evviva, una seconda vittoria, brindiamo!
Qui, ahimè, cadono però le ultime, dolenti note. In tutti questi mesi di dibattimento, i giudici hanno chiesto ripetutamente a Gardo di conciliare, ma questi si è puntualmente rifiutato di farlo, accampando la scusa di voler avere da una sentenza definitiva la certezza che il suo modus operandi fosse scorretto. Ma non era questa la “vera” motivazione: stava semplicemente prendendo tempo per architettare una “fuga”. E del tipo più infido ed esecrabile! Infatti dopo un po’ si viene a sapere che ha svuotato il conto societario, ha cambiato sede operativa dello studio, ha fatto pressione sui testimoni perché testimoniassero il falso, si è messo a lavorare in un co-working per evitare il pignoramento mobiliare e, ciliegina finale sulla torta, ha addirittura messo in liquidazione la società. Tutto questo per non pagare il debito che aveva con Laura (e altri ex collaboratori), sancito ben due volte dal tribunale civile. Nonostante i pignoramenti eseguiti anche presso case editrici con cui Gardo ha rapporti, non sono mai stati trovati crediti, molto probabilmente perché sono già attivi sotto il nome di una nuova società.
Dunque mesi e mesi di lotta, pesante anche emotivamente, non sono serviti a niente, se non a produrre un profondo senso di impotenza e frustrazione! Pur avendo ricevuto conferme in ambito giudiziario, difficilmente Laura potrà avere indietro quello che le spetta e di cui avrebbe estremo bisogno (c’è bisogno di dirlo? non sarebbe sottinteso?). Tutto perché una srl senza beni immobili e con fatturati che non superano i 200mila euro è praticamente inattaccabile. Gardo la sta facendo sostanzialmente franca, sta riaprendo una nuova società e persevera nell’illegalità con cui tratta i suoi dipendenti senza contratto (e che sono conniventi finché converrà, fino a quando non prenderanno coscienza che il silenzio non paga mai). Quando una persona è disonesta, a quanto pare lo è fino in fondo e oltre. Un ennesimo caso di giustizia a metà.


Non volevo distrarre la lettura con link e note, per cui mi limito a segnalare qui appresso (tipo note alla fine non numerate, in perfetto trendy American style) qualcosa che IMHO possa servire a contestualizzarla. Sedulo curavi humanas actiones non ridere, neque lugere, neque detestari, sed intelligere, scriveva Spinoza all’inizio del suo Trattato teologico-politico (1670).

Sul «destino crudele» dei giovani d’oggi ho apprezzato il commento di Athenae Noctua su alcune esternazioni di politici (e mancano i link alle dichiarazioni fatte il 1° dicembre da Tito Boeri, attuale presidente dell’Inps, sulle casse vuote delle pensioni, altrimenti non pubblicavo più questo post…).

La «presa di posizione ufficiale di papa Francesco» è quella enunciata lo scorso 7 novembre.

Sui dipendenti-conniventi ci sarebbe molto da dire: qui si può soltanto stigmatizzarne il comportamento (autolesionista e perdente, alla lunga), aggiungendo che purtroppo è quello più diffuso nelle realtà editoriali italiane, specialmente quelle più piccole, i cui dipendenti sono più esposti a ricatti e vessazioni di vario genere. A tale proposito, rammento la dedica del comunicato sull’esito dell’indagine degli ispettori del lavoro nelle redazioni “Monda-zzoli”, ancora visibile sulla home page del sito della Rete dei redattori precari.
Conferma il malcostume imperante l’ultima ricerca dalla Associazione Artigiani e Piccole Imprese Mestre Cgia (che negli ultimi anni ha fornito documentazioni sempre pertinenti e originali), su cui informa Roberto Ciccarelli in un articolo sul Manifesto del 29 novembre.

Infine raccolgo qui una serie di collegamenti a tre situazioni in parte analoghe, non per consolare Laura o voi lettori, bensì come una sorta di promemoria (repetita iuvant) delle difficoltà del settore, perché è necessario rimanere sempre guardinghi, vigili e reattivi (altro che stay hungry, stay foolish o il nostrano e bonaccione stai sereno!):

  • a inizio 2015 fallisce la casa editrice Zandonai (Trento): ecco l’opinione dell’ex direttore editoriale Giuliano Geri, un articolo a consuntivo e un post dalla blogger di Doppioverso;
  • a maggio 2015 scoppia il bubbone ISBN, che genera dal basso il movimento #occupayISBN, con cui si schierano per esempio Christian Raimo e il blog Scrittori in causa; a riguardo il Sindacato dei traduttori editoriali pubblica una riflessione ben articolata;
  • di lì a poco la crisi coinvolge anche la casa editrice romana Castelvecchi, in particolare il gruppo LIT, con il quale a giugno il Sindacato dei traduttori editoriali, supportato da SLC-Cgil, apre una trattativa che attualmente risulta ancora in corso – giusto per lasciare qualche speranza residua ai miei pochi lettori 😉

Aggiungo in coda due interventi, usciti dopo questo post, ma bellissimi (per questo mi permetto di infrangere la freccia del tempo):

Allegri, Ciccarelli 2013
Roberto Ciccarelli, che ha salvato il suo libro importantissimo (cliccare sull’immagine per saperne di più) e chiama a raccolta gli interessati per domenica 20 dicembre (a Roma);

Oscar Raimo, in un articolo su Internazionale al cui sconforto c’è, purtroppo, ben poco da aggiungere, se non ribadire la chiusa:

tutta questa gente non pensa mai – mai, mai – a sindacalizzarsi, a mandare a fanculo chi si occupa di politica culturale nelle decine, centinaia di conferenze stampa, dibattiti, convegni in cui si presentano i festival, i programmi culturali, il nuovo splendido mondo creativo che verrà

Annunci

6 pensieri su “Una giustizia a metà

  1. Grazie per averci raccontato questa storia. Una storia di sogni, illusioni, sfruttamento, ma anche di coraggio nell’alzare la testa. Indipendentemente dal risultato finale, vale sempre la pena scegliere la strada della dignità. Lo sappiamo in molti, ormai.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...