Vittoria dei redattori!

Chi ha detto che ‘precario’ equivale a ‘sfigato’? Probabilmente chi pensa che il ‘redattore’ debba sempre chinare il capo e ingoiare senza diritto di replica le decisioni altrui, tutte, anche quelle che calpestano il suo diritto al lavoro e ledono la sua dignità di persona.
Allora non basta ‘indignarsi’: occorre passare all’azione, organizzarsi con quelli che condividono lo stesso magro destino trattamento, anche se paiono invisibili, ormai smaterializzati come l’incarnazione postmoderna, postcapitalistica, postdemocratica, postliquida (cioè, viscida) di Herr das Kapital.
Perché ribellarsi è giusto. Perché qualche volta si vince, ma non per caso, come al gioco d’azzardo, semmai più come Davide contro Golia (che poi ci rimane male…). E non è sognare utopie, ma la realtà.
Chi è scettico, infatti, legga qui sotto il comunicato (in italiano e subito dopo, grazie ai sapienti uffici di Leah Janeczko di StradE, anche in inglese) della Rete dei redattori precari, che segnano così un grosso punto a loro favore tesaurizzando un lavoro clandestino, slabbrato, denigrato, talora disperato, magari incompreso, durato anni. E finalmente sbocciato, nel modo migliore. Anche per vendicare quelli rimasti sul campo: legioni, anonimi.
Aveva proprio ragione De André: «dal letame nascono i fior».

ReRePre

Grande vittoria!

 

Conclusa l’indagine dell’ispettorato del lavoro di Milano:
i redattori editoriali vanno assunti

Si è conclusa alla fine del 2014 l’indagine dell’Ispettorato del lavoro cominciata nel maggio 2013 che ha coinvolto Mondadori e Rcs Libri. Dopo aver raccolto e verificato le testimonianze di decine di redattori, gli ispettori hanno decretato che nelle due aziende editoriali sussisteva una situazione di palese illegalità relativamente alle tipologie contrattuali utilizzate.
All’indomani della chiusura dell’indagine, l’Ispettorato, alla presenza di Francesco Aufieri, responsabile Slc-Cgil Milano, ha convocato i responsabili del personale di Rcs Libri e Mondadori, ai quali ha ingiunto di trasformare numerosi contratti di collaborazione a progetto in contratti a tempo indeterminato: i redattori, al pari di altre figure editoriali, svolgono un ruolo fondamentale all’interno di una redazione e quindi devono essere assunti.
Diverse le reazioni delle aziende: Mondadori ha deciso di presentare ricorso contro il verdetto dell’Ispettorato; Rcs Libri, invece, si è impegnata a trasformare 21 contratti a progetto in contratti a tempo indeterminato, a decorrere dal 1° luglio p.v.

Noi della Rete dei Redattori Precari, che prima abbiamo richiamato l’attenzione del sindacato sul far west editoriale e poi lo abbiamo spinto a richiedere l’ispezione nelle redazioni dei due colossi milanesi, consideriamo questa vittoria anche, e forse soprattutto, nostra.
Sin dalla fondazione della Rete, abbiamo perseguito l’obiettivo di riportare la legalità dentro le case editrici. A questo proposito, l’esito delle ispezioni di Milano non è certo risolutivo, ma crea un precedente importante a cui i tanti colleghi che continuano a subire abusi contrattuali potranno richiamarsi per far valere i propri diritti.
Sui diritti non si transige: questo è un principio che noi abbiamo sempre rivendicato con ostinazione, e che oggi, anche grazie al nostro impegno, è stato riaffermato nel settore editoriale. Ci preme sottolineare che a trarre beneficio immediato dal verdetto delle ispezioni saranno, con un’unica eccezione, persone estranee e in alcuni casi apertamente ostili alla Rete dei Redattori Precari. A queste persone dedichiamo la nostra vittoria.
Ora è tempo di guardare avanti: con il Jobs Act il governo Renzi ha mischiato le carte in tavola, e nel nuovo contesto dobbiamo ridefinire il nostro ruolo e i nostri obiettivi.
Ci auguriamo che molti di voi ci aiuteranno nel gestire questa delicata fase riorganizzativa. Gli indirizzi per entrare in contatto con noi sono sempre gli stessi:
milano@rerepre.org
bologna@rerepre.org
roma@rerepre.org

 

Milan’s Labor Inspectorate Concludes Its Investigation:
The Editors Should Be Hired

At the end of 2014, the Labor Inspectorate’s investigation involving Mondadori and RCS Libri, which began in May 2013, was completed. After collecting and verifying the testimony of dozens of editors, the inspectors decreed that the situation regarding the kinds of contracts being used in the two publishing companies was clearly illegal.

The day after the investigation was completed, in the presence of Francesco Aufieri, head of SLC-CGIL Milano [Union of Communication Workers-Italian General Confederation of Labor], the inspectorate summoned the human resources heads of RCS Libri and Mondadori and ordered them to change numerous project-based contracts into open-ended contracts; editors, just like other publishing figures, perform a fundamental role in an editorial staff and therefore should be hired employees.

Different reactions from the companies: Mondadori decided to appeal the inspectorate’s verdict; RCS Libri, instead, agreed to turn 21 project contracts into open-ended contracts as of July 1st of this year.

We at the Rete dei Redattori Precari—who first called the union’s attention to the “wild west” of the publishing world and then urged them to request an inspection of the editorial staffs at the two publishing giants in Milan—consider this victory partly, and perhaps mainly, ours.

Ever since our network was founded we’ve pursued the goal of bringing legality back to publishing houses. The outcome of the inspections in Milan certainly can’t make this happen, but it creates an important precedent which our many colleagues who continue to undergo contractual abuse can refer to when asserting their rights.

We must stand up for our rights: this is a principle we’ve always adamantly stuck to and today, thanks also to our commitment, it’s been reaffirmed in the publishing sector. We’d like to emphasize that, with only one exception, those who will immediately benefit from the inspector’s verdict are people who are not active members of our group and who in certain cases have been openly hostile to the Rete dei Redattori Precari. It is to these people that we dedicate our victory.

Now it’s time to look ahead. With the Jobs Act the Renzi government has shuffled the cards and we need to redefine our role and our goals in this new context.

We hope that many of you will help us handle this delicate phase of reorganization. If you’d like to contact us, our addresses are still the same:

milano@rerepre.org

bologna@rerepre.org

roma@rerepre.org

Annunci

2 pensieri su “Vittoria dei redattori!

  1. Pingback: Redattori in auge!!! | metagrapho

  2. L’ha ribloggato su operaidelleditoriaunitevie ha commentato:
    Sfigato è chi si rassegna e non prova nemmeno a lottare per i propri diritti, per la propria dignità.
    Aspettare che siano sempre e solo gli altri a tirarci fuori dai guai è ingiusto quanto infruttuoso. Se ci dessimo da fare tutti, gli sforzi si moltiplicherebbero e i risultati arriverebbero prima.
    Una teoria così logica da essere quasi imbarazzante. Eppure, nella realtà…

    Ma per oggi accontentiamoci di questa notizia.
    E domani di essere sempre di più.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...