Ricordo di Carlo Fruttero

Sul sito del Sole 24 ore ho trovato un bel ricordo di Carlo Fruttero, a firma di Goffredo Fofi.foto di Carlo Fruttero

Vabbè, è vero: succedeva a metà gennaio, la neve non era ancora caduta a larghe falde su Roma dopo 27 anni (amarcord: l’ultima volta stavo difendendo la patria in quel della caserma Castro Pretorio — una pacchia per andare in biblioteca a preparare la tesi, sfruttando le due ore di micidale pausa pranzo!), ma dopotutto non credo che ai morti importi granché del tempo che invece continua a scorrere per noi (ancora) pereundi.

Comunque, mi è venuto in mente che potevo contribuire nel mio piccolo menzionando alcune pagine, probabilmente ignote ai più ma che trovo tuttora irresistibili, scritte da Fruttero (e sì, anche Franco Lucentini) sulla traduzione in anni diversi (dal 1963 al 1989) e raccolte comodamente da Domenico Scarpa ne I ferri del mestiere. Manuale involontario di scrittura con esercizi svolti (Einaudi 2003), pp. 31-60.

Purtroppo nessuna delle tre edizioni rubricate in Ibs (2003, 2004 e 2007) è disponibile per l’acquisto. Idem su Bol (ma perché propongono uno sconto del 15 %, se non te lo possono procurare?) e Dea, mentre sembra che Hoepli ne abbia ancora qualche copia dell’ultima tiratura. Dove si vede il risparmio di tempo e la comodità del cercare on-line…

E mi piace collegare qui l’ultimo capitolo di Jason Epstein, Il futuro di un mestiere. Libri reali e libri virtuali (Edizioni Sylvestre Bonnard 2001, praticamente a pochissima distanza di tempo dalla pubblicazione originale presso Norton, grazie anche alla traduzione di Bruno Amato), intitolato forse un po’ maliziosamente “Tempi moderni” (pp. 101-121), dove per parlare di Amazon.com l’autore parte dal Wiener degli anni Cinquanta, su cui vedi Steve J. Heims, I cibernetici. Un gruppo e un’idea (ed. or. Constructing a Social Science for Postwar America: The Cybernetics Group, 1946-1953, MIT 1991; trad. it. di Gian Marco Fidora per Editori Riuniti 1994, poi 1997) soprattutto per le conferenze Macy, e così via, inanellando tangenzialmente un libro dopo l’altro, come fossero ciliegie…

Buona lettura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...